Eddie e Melo di Daniele Picciuti – Plesio

June 21, 2018

 

 

 

Passione: 8 “Piacevole”

Originalità:  7 “Nulla di innovativo”

Creazione del mondo: 8 “Ottima visione dell’aldilà”

Caratterizzazione personaggi: 9,5 “Pregevoli”  

Trama e Intreccio: 9 “Molto belle le storie secondarie”

Incidenza del Fato: Media

Copertina: 9 “Perfetta”

Finale: 8 “Mancano risposte ma piacevole”

 

 

Stupincipit:

Hai 13 anni, l’ormone cresce ma sei un imbranato pazzesco tanto che, anche se ti sei appena trasferito in una nuova città, i bulli di scuola ti suonano come una campana tutti i santi giorni. Quando una ragazza si interessa a te, invece che appartarsi per limonare, ti conduce in una casa stregata dove entrerai in contatto con il mondo dei morti. Ovviamente vuoi non essere tu la chiave di un portale verso il tuo lontano avo pluriomicida?

 

Recensione

L’idea di un libro per adolescenti che regali qualche brivido mi ha incuriosito subito. Il concetto non è nulla di innovativo: due giovani-casa stregata-pazzo furioso ma è ben svolta e molto piacevole da leggere. Leggermente lento come ritmo per i miei gusti ma devo dire molto ben curato e organizzato nei minimi dettagli. Una storia da vivere giorno dopo giorno assieme ad Eddy e il suo cane Melo. Molto interessante la costruzione del mondo dell’aldilà. Interessane perché inaspettata l’indagine che i protagonsiti devono affrontare per capire chi ha ucciso un loro compagno di scuola e scagionare Eddy. Ben dosata per il pubblico di riferimento la parte esoterica e nera. Molto belle e degne di plauso le storie secondarie come il tema dell’anoressia della sorella di Eddy, il bullismo e la storia d’amore. Ben trattato il punto di vista adolescenziale mi è sembrato di fare un salto nel tempo.

 

“…una macchia bianca sfreccia nelle tenebre, quel sudario si lacera e il mostro urla, incendiato dall’ira”

 

Eddy ha una crescita molto bella, imbranato e sfigatello riesce a tirare fuori il coraggio crescendo di prova in prova. Melo è il numero uno, divertente e simpatico. Loto affasciante e complessa risulta più forte di quel che appare , è fondamentale nella crescita del protagonista. Toccante la parte dell’anoressia della sorella, ottimamente concepiti i genitori. Francesco il nostro cattivo è forse lasciato troppo a sé stesso, manca il suo punto di vista. Indubbiamente i personaggi e la loro caratterizzazione sono il fiore all’occhiello di questo romanzo.

 

“Quel che fece fu una sorta di patto di sangue con una forza così oscura e antica che neanche io so dirvi di più”

 

La presenza del fantasma di Luca da una bella botta alla forza del destino anche se Eddy e Loto sono alla ricerca di spiegazioni con le loro forze.

 

“Dall’espressione della ragazza non era chiaro che se fosse più sorpresa di sentire i pensieri del cane o che questi fosse in grado di fare dell’ironia”

 

Ben costruito il mondo ultraterreno, divertente il modo in cui è stato concepito senza riferimenti alle religioni. Bella l’idea dei discendenti che cambiano nome. Probabilmente si poteva sfruttare maggiormente l’ambientazione Urban.

 

“…videro la scrivania, il mobile con il grammofono e la figura del vigilante che tamburellava con le dita sul ripiano, stavolta al suono della nona di Beethoven”

 

Il finale purtroppo è sbrigativo e abbastanza semplicistico rispetto alla grande costruzione che c’è nel romanzo. Mi manca qualche spiegazione che forse l’autore si riserva per il seguito (visto il finale).

 

“Eddy vi lesse una sofferenza che ne dilaniava l’anima. Lo afferrò con le mani, con il cuore, con la mente…”

 

La copertina è semplice ma perfetta per il romanzo.

 

Consigliato a tutti gli amanti dei piccoli brividi e a chi ama personaggi perfetti.

Please reload

Featured Review

Salto 2019

May 16, 2019

1/1
Please reload

Tag Cloud
Please reload

© 2016 Animadidrago.it. Proudly created with Wix.com

  • Facebook B&W
  • Twitter B&W
  • Google+ B&W
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now